L’Abruzzo, con l’arrivo della primavera, si risveglia in tutto il suo splendore. La neve inizia a sciogliersi e la natura ci regalare scenari e panorami mozzafiato.  Con l’arrivo delle festività pasquali sono molti gli eventi all’aria aperta diffusi in tutti il territorio abruzzese. Il forte spirito religioso inoltre, profondamente radicato nelle tradizioni locali, si manifesta in cerimonie di grande suggestione e bellezza. I riti della Settimana santa sono testimonianza della religiosità  della gente d’Abruzzo e del profondo legame di questo popolo alla tradizione.

Nelle città e nei borghi le manifestazioni incentrate sulla Passione e sulla Resurrezione di Gesù sono vissute con intensità. La religione si farà  racconto per narrare la storia delle comunità . Le visite ai Sepolcri allestiti nelle chiese, le processioni del Venerdì Santo in cui sfilano antiche Confraternite, i rituali, le musiche, sono momenti di grande emozione che fanno viva la fede.

Il sacro si unisce al profano con i festeggiamenti del lunedì di Pasquetta. Un giorno da vivere all’aria aperta alla scoperta dei gioielli abruzzesi. Sono molti gli eventi organizzati per vivere le vacanze di Pasqua in Abruzzo. Abbiamo selezionato per voi 7 idee per trascorrere il ponte pasquale in Abruzzo.

maxresdefault

La Madonna che vele

1) Vivere il rito della “La Madonna che vele” di Introdacqua

La domenica di Pasqua nello splendido Borgo di Introdacqua (Aq) si svolge il rito del “La Madonna che vele“. Mentre la piazza è gremita di folla in attesa, ecco apparire lentamente la statua della Madonna vestita a lutto portata a spalla da quattro giovani. La Madonna si incammina verso la parte opposta della piazza dove c’è in attesa il Cristo Risorto, danno inizio alla frenetica Volata tra spari di mortaretti, suono di campane e banda locale che suona in sottofondo. Un grido prorompe dalla folla è un momento di grande emozione generale! La Madonna per gli introdacquesi “vola” e un vero e proprio volo è quello che, visto da lontano, sembra passare sopra le teste del pubblico.

 

2) Vedere “La processione degli incappucciati” di Lanciano

Lu Giuviddi Sande, giovedì 13 Aprile a Lanciano si ripete la suggestiva Processione degli Incappucciati, uno dei riti della Settimana Santa più solenne e  commovente che l’Arciconfraternita di San Filippo Neri. Per i cristiani è la sera dell’ultima cena, la sera del tradimento e  per questo motivo i Confratelli di San Filippo Neri  procedono in corteo, vestiti con lunghe tonache nere e medaglioni con simboli di morte, con il volto incappucciato.  Il corteo avanza a passo lento, attraverso le vie del centro storico mentre il “Cireneo“, al centro del corteo, cammina, scalzo e incappucciato, portando sulle spalle la pesante Croce del Calvario. Nessuno, tranne il Priore della Confraternita che annualmente effettua la scelta, conosce l’identità del Cireneo.

 

Processione Incappucciati

Processione Incappucciati

 

3) Partecipare alla “Processione del Cristo morto” di Sulmona

La Processione del Cristo morto a Sulmona, la sera del Venerdì Santo, ha origini medievali, ma l’attuale solenne allestimento risale al 1500 circa. I confratelli dell’Arciconfraternita della SS. Trinità, la più antica di Sulmona, indossano un vistoso saio rosso porpora con pettorina bianca e cingolo rosso, simbolo di costrizione e umiltà e sfilano lungo le vie del centro con un corteo processionale suddiviso in vari settori. All’interno del Corteo Processionale, il CORO è il vero cuore della processione, composto da oltre 110 cantori, intonano varie versoni del Miserere e altri canti sacri.

4) Seguire la “Passione Vivente” di Barrea 

Sabato Santo 15 aprile 2017 Barrea(AQ) , caratteristico borgo del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise, sarà lo scenario della Passione Vivente, una delle più suggestive manifestazioni che si realizzano nel periodo pasquale in Abruzzo. Nata nel 1987 da circa trent’anni rappresenta un appuntamento ricorrente molto sentito dalla popolazione. La superba ricostruzione della vicenda del Cristo negli affascinanti vicoli del centro storico incastonato nella vallata che domina il lago, con oltre 150 personaggi tra attori e figuranti, richiama centinaia di visitatori.

 

5) Visitare il “Castello di Roccascalegna”

Lunedì 17 aprile 2017 , il giorno di Pasquetta Roccascalegna propone un interessante programma con spettacoli di falconeria, combattimenti medievali con gli armigeri e i balestrieri e gli antichi bassi del borgo apriranno le loro porte per proporre mercatini con prodotti tipici pasquali ed esposizioni di oggettistica artigianale. Il Castello osserverà una apertura straordinaria con orario continuativo dalle 10,00 alle 19,00. All’interno del suggestivo Castello Medievale si alterneranno dimostrazione di Combattimenti Medievali, di Caccia con la Falconeria e Spettacoli Teatrali che ci riporteranno direttamente nelle magiche atmosfere del Medioevo.

Castello di Roccascalegna

Castello di Roccascalegna

 

 

6) Partecipare alla festa “Arrostiland 2017” 

Lunedì di Pasquetta si terrà la terza edizione di Arrostiland. Dopo Roccascalegna e Crecchio sarà Montebello di Bertona ad ospitare la divertente e gustosa manifestazione di Arrostiland 2017, l’evento che ha come protagonista il mitico arrosticino abruzzese. Appuntamento il 17 Aprile 2017 nello splendido borgo vestino per festeggiare la Pasquetta nel modo più abruzzese possibile: arrosticini, Montepulciano d’Abruzzo e tanti amici con cui divertirsi.

7) Vedere “L’antica arte della Falconeria” alle Grotte di Stiffe 

Dopo una visita alle splendide Grotte di Stiffe, uno dei fenomeni carsici più conosciuti in Italia, nella suggestiva cornice del borgo di Stiffe, i Falconieri dell’Aquila porteranno la falconeria tra la gente, con la finalità di diffondere l’interesse per le principali specie di rapaci e la conoscenza del rapporto, affascinante quanto antico, che si può instaurare tra il falconiere e tali specie animali. Questo connubio fra paesaggio, natura e storia raggiunge la sua massima espressione durante le dimostrazioni, momento in cui ci si può avvicinare alle principali specie di rapaci liberi nel loro ambiente naturale. L’immissione dei rapaci nelle aree naturali avviene sotto l’abile guida dei falconieri, ad evidenziare l’evoluzione dell’antica arte di governare i rapporti di convivenza con gli animali.

Tante dunque le manifestazioni per il Ponte di Pasqua in Abruzzo.

Cosa aspettate: prenotate la vostra vacanze in Abruzzo

7 idee per trascorrere Pasqua e Pasquetta in Abruzzo
5 (100%) 6 votes