Vivi L'AbruzzoVivi L'Abruzzo

Vacanze Pescara

 

Pescara il ponte del mare turismoInformazioni e turismo Pescara

  • Città: Pescara
  • Area: 34,36 km²
  • Altitudine: 4 m s.l.m.
  • Lingua: italiano
  • Abitanti: 121,593
 

Pescara è una delle quattro provincie dell’Abruzzo e conta 121.593 abitanti ed la 35esima città più popolata a livello nazionale. A Pescara risiedono gli uffici del Consiglio, della Giunta e degli Assessorati regionali. L'area metropolitana è molto ampia, ed offre un collegamento con numerosi altri comuni limitrofi, suddivisi fra le tre province di Pescara, Chieti e Teramo.

Un tempo la costa della città di Pescara era occupata quasi interamente da un ampia pineta mediterranea, dove predominava la specie del Pino d’Aleppio; oggi vi sono molti esemplari nella splendida pineta D’Avalos (riserva naturale nella zona di Porta Nuova), e nella fascia costiera  che si estende per circa due chilometri e mette in collegamento  i comuni di Pescara e Montesilvano.

La costa è caratterizzata da un territorio pianeggiante e regolare accompagnato da una piaggia con sabbia fina e chiara. Il clima mediterraneo comprende estati calde con splendide giornate calde e inverni relativamente freddi, complice la vicinanza con la catena montuosa del Gran Sasso. Pescara mantiene viva i legami con le antiche tradizioni ed origini soprattutto con i pescatori che soprannominarono la città p’scare, per indicare il luogo dove vivevano e lavoravano grazie alla pescosità del mare. A Pescara risiede la casa ottocentesca dove nacque e trascorse l’infanzia il poeta Gabriele D’Annunzio.

La mancanza del preappenino consentono di ammirare al tramonto il suggestivo profilo della "Bella addormentata" disegnato dalla catena del Gran Sasso. Per gli amanti della barca Pescara è dotata di un nuovo ed eccellente porto turistico situato a sud del fiume Pescara. Oggi la città di Pescara si presenta con un aspetto moderno, e modaiolo, famosa soprattutto per la sua spiaggia cristallina, i paesaggi mozzafiato e la vita notturna. 

Come arrivare a Pescara

In Aereo. Grazie al suo rinnovato aeroporto di Pescara è collegata costantemente da diverse e note compagnie aeree, naturalmente nel periodo estivo i collegamenti aumentano in numero e frequenza.   In Auto. Per raggiungere Pescara in auto venendo da nord bisogna prendere la A14 da Bologna ed uscire a Pescara Nord . Dal sud prendere la A14 da Bari e uscire a Pescara Ovest; da Roma prendere la A25 Roma - Pescara, uscendo a Chieti - Pescara.   Treno: Pescara è ben collegata con la rete ferroviaria sebbene non sia raggiunta dall'alta velocità. Le linee più importanti sono la Milano - Bari e la Milano - Lecce.  

casa-gabriele-dannunzio

Storia e cultura di Pescara

Il nome della città in antichità e del fiume che vi scorre era AternumPescara vecchia era collegata a Roma attraverso la Via Claudia Valeria e la Via Tiburtina. La città era un importante porto per il commercio con le province orientali dell'Impero.

Nel Medio Evo fu distrutta dai Longobardi e fu proprio in questo periodo che l'attuale patrono della città, San Cetteo, fu giustiziato dai Longobardi e fu gettato da un ponte con una pietra legata al collo. La storia di Pescara ci dice che le origini dell'attuale nome “Pescara” derivano da “Piscaria”, ovvero “ricca di pesce”.

All'inizio del 18° secolo la città di Pescara aveva circa 3.000 abitanti, metà dei quali vivevano a Castellammare ed era una parte importante del Regno di Napoli; mentre nel 1800 divenne un importante presidio militare del regno di Giuseppe Bonaparte. Castellammare divenne proprio in questi anni un comune autonomo.

Negli anni successivi, Pescara fu fusa con la vicina città di Castellammare degli Abruzzi e alla fine è diventata la più grande città della regione. La nuova città ha subito dei pesanti colpi durante la seconda guerra mondiale e da allora è stata ricostruita in maniera massiccia, diventando una città molto moderna. Tra i vari monumenti di Pescara da ammirare ci sono la Cattedrale di San Cetteo e il teatro dedicato a D'Annunzio.

nave-cascella-pescara

Pescara e dintorni

La spiaggia di Pescara si estende da a nord a sud, nella parte settentrionale (presso la pineta), raggiunge la larghezza di circa 140 metri. Il lungomare è dotato di una bella pista ciclabile dove potrete osservare molti sportivi intenti a fare jogging, walking e andare in bici, in tutti i periodi del''anno. Durante il periodo estivo gli attrezzatissimi stabilimenti balneari diventano delle discoteche sul mare con libero accesso e la notte di Pescara si accende fino all'alba.

Il lungomare sud ed il lungomare nord sono collegati dal bellissimo Ponte del mare inaugurato nel dicembre 2009, presto diventato il simbolo della città. Il 'Ponte' si divide in due percorsi (ciclabile e pedonale) che lo slanciano verso una dimensione tridimensionale. Il sistema dei tiranti secondari crea due fusi conici che ricorda l'immagine di due vele che s'intersecano.

Cattedrale di San Cetteo 

Il Tempio della Conciliazione, meglio noto come Cattedrale di San Cetteo, in onore del santo patrono della città, fu fortemente voluto da Gabriele D’Annunzio e finanziato personalmente dallo scrittore. Il progettista del monumento fu Cesare Bazzani, molto famoso all’epoca, tanto che si occupò della progettazione delle più importanti strutture fasciste. L’edificio, nonostante sia di recente costruzione, imita la tradizione abruzzese. L’interno della Cattedrale di San Cetteo è suddivisa in tre navate, come è sottolineato anche in facciata. All’interno dell’edificio è sepolta la mamma di D’Annunzio, il cui sarcofago è un’opera di notevole interesse artistico.

 

Casa Natale Gabriele D'Annunzio

La Casa Natale di Gabriele D’Annunzio, dove il poeta trascorse anche la prima infanzia, è stato trasformato in un museo. La poteta trovre nella parte antica della città chiamata Pescara Vecchia, oltreppassando l'omonimo fiume verso sud. L’atmosfera Ottocentesca è perfettamente conservata. E' facile riscoprire i ricordi legati all’infanzia che il poeta e scrittore ha molto spesso riportato nelle sue opere. Molto suggestivo è il percorso proposto dal Museo, di cui cinque stanze riprendono sono le stesse descritte da D’Annunzio nel Notturno.

La visita crea un emozionante intrecciarsi di impressioni visive ed uditive legate all’opera letteraria e all’ambientazione. Alcune didascalie di commento associano le stanze a famosi brani dannunziani, altre descrivono il suo rapporto agli altri personaggi legati alla casa. Nelle altre stanze sono esposte foto, documenti, libri, calchi e cimeli. A partire dal 1927 l’edificio è Monumento Nazionale.

 Nave di Cascella

Se arrivate al lungomare di Pescara non potrete non notare  la fontana in marmo di Carrara a forma di nave a remi del rinomato scultore Pietro Cascella. Il soggetto probabilmente allude all'anima marinara della città e richiama alla mente i forzati del Bagno Borbonico utilizzati come rematori sulle navi fino al 1859. Il bozzetto, realizzato in travertino, è esposto all'interno del palazzo sede del Comune di Pescara.

 

Trabocchi

Le coste di Pescara sono caratterizzate dai Trabocchi, tipiche palafitte sul mare con reti per la pesca, fissati tramite pali alla roccia. I trabocchi sono legati alla vita delle famiglie di Pescara e non solo, che hanno per decenni utilizzato questi strumenti ai fini del proprio sostentamento. Erano anche strutture abitabili in passato. Proprio per non perdere un importante pezzo di storia cittadina, i Trabocchi sono stati salvai dall’incuria, grazie a finanziamenti comunali. I Trabocchi di Pescara, rispetto agli altri presenti lungo le coste adriatiche, hanno la particolarità di essere collocate lungo l’antico porto romano.

Loreto Aprutino

Incastonata come un diamante tra la costa  e il Gran Sasso,  a pochi chilometri dalla città di Pescara, Loreto Aprutino è una cittadina  d’arte , di grande storia e di notevole spessore culturale , tra le più belle D’Abruzzo. L’antica Laurentum romana  si erge suggestiva nell’antica terra dei  Vestini sulla  sommità di un colle a 307 m.  a sinistra del fiume Tavo  tra immense distese di uliveti.

Il suo centro storico  conserva intatta la propria fisionomia storico- architettonica e il caratteristico  aspetto medioevale di case e palazzi stretti intorno al Castello e si  mostra in modo scenografico e di grande impatto emotivo con la policromia delle facciate delle case e l’ocra del mattone. La fama della cittadina vestina viene anche e soprattutto dai prodotti della sua terra. L’olio extravergine d’oliva, da anni con marchio Dop, è il miglior ricordo che il visitatore può portare via.

 

Penne e Riserva naturale Lago di Penne

Le origini della Città di Penne sono ignote e la storia di Penne comincia con l’arrivo del popolo dei Vestini nel territorio d' Abruzzo. Si è pensato che le origini del nome possano essere ricondotte alla Dea Vesta. Perciò Penne è una città pre-Romana, come è documentato da scoperte archeologiche. Era un tempo cinta di mura con porte, e ne conserva ancora cospicui residui (Porta S. Francesco). Monumento di grande importanza è la chiesa abbaziale di S. Maria in Colromano presso l'abitato, ora dei francescani, ma la sua costruzione primitiva è sopraffatta da aggiunte e ricostruzioni del Cinquecento.

Tappa fondamentale è la Riserva Naturale del Lago di Penne. Istituita con le leggi regionali n. 26 del 1987 e n. 97 del 1989, la Riserva si estende per 150 ettari, con una fascia di protezione esterna che supera i 1000 ettari. La Riserva è gestita da un comitato, con il Comune di Penne, il Consorzio di Bonifica Centro ed il WWF Italia. Le tappe più significative in questa piccola area protetta risalgono agli anni 80, quando un gruppo di giovani naturalisti iniziarono ad occuparsi della tutela del bacino artificiale. Nel 1985 l'Amministrazione provinciale di Pescara istituì a Penne un'Oasi di Protezione della fauna.

 

luogo_teatro_d_annunzio

Eventi e manifestazioni a Pescara

Ogni anno, la marineria pescarese festeggia il proprio santo protettore: Sant'Andrea. Da cui la "Festa di Sant'Andrea". Da circa un secolo e mezzo l’ultima domenica di Luglio la flottiglia pescarese si veste a festa e si prepara ad uno spettacolare appuntamento. Tutte le barche si decorano con bandierine colorate e tra queste si distingue l’ammiraglia che ha l’onore di portare la statua del Santo. Dopo la messa delle nove di mattina, il corteo si avvia verso il porto e al suono della banda la statua del Santo sale sull’ammiraglia con il parroco, i rappresentanti dei pescatori e le autorità.

La festa della “Madonna dei Sette Dolori” si svolge annualmente la prima domenica di giugno al Santuario della Madonna dei sette dolori. Ogni anno prendono parte ai festeggiamenti circa 35.000 persone che oltre a visitare il santuario, passeggiano tra le bancarelle, le giostre e le tavolate con i prodotti tipici locali ascoltando della buona musica. Si tratta di una festa popolare di cui pochi conoscono la storia. La tradizione è antichissima, da notizie storiche tramandate e da alcuni documenti il culto della Madonna nell'attuale quartiere dei Colli ha origine tra il cinquecento e il seicento.

Il Festival Internazionale del Jazz di Pescara è stato il primo festival estivo italiano. Nata nel 1969, la manifestazione è stata capofila di una serie di iniziative in tutto il territorio nazionale ed è una delle manifestazioni jazz più importanti in Europa. La manifestazione si svolge tutti gli anni nel mese di luglio presso il Teatro D’Annunzio, con una media di circa 2000 spettatori a serata.

Il Premio Internazionale Ennio Flaiano è un festival diviso in quattro sezioni: cinema, teatro, letteratura, televisione. Si tratta di un evento culturale di richiamo internazionale che vede riuniti a Pescara alcuni tra i più eminenti personaggi dello spettacolo e della cultura internazionali.